Cohousing: una realtà anche in Italia28 Apr 2017, Santatecla Immobiliare

NewsDesign & Lifestyle


Immagine: Cohousing: una realtà anche in Italia

Da lontano concetto scandinavo, alla diffusione in Italia all’insegna della socializzazione e della sostenibilità…

Progetti avviati e progetti in fase di realizzazione confermano che il cohousing si sta diffondendo anche nel nostro paese, non solo in periferia ma anche all’interno di grandi città come Milano. Nato in Danimarca negli anni ’60, e diffusasi velocemente nei paesi scandinavi e poi nel resto del mondo, il cohusing prevede una condivisione sociale di spazi abitativi comuni: spazi privati rimpiccioliti per privilegiare ampie zone collettive sia interne che esterne. Tra gli spazi comuni il cohousing non punta solo a luoghi ricreativi, lavanderie e zone per mangiare insieme, ma anche a aree giochi per bambini, asili, laboratori e palestre.

Può sembrare un progetto ambizioso e utopico, ma chi in Italia ha già provato questo tipo di abitazione può testimoniarne i vantaggi:

  • La creazione di un forte legame tra i condomini, partendo dalla progettazione condivisa; sono infatti i condomini a decidere come impostare le aree comuni e a che uso adibirle, iniziando subito la coabitazione in un clima di aperto dialogo

  • L’utilizzo di energie alternative possibile grazie alla suddivisioni dei costi energetici tra gli abitanti. Per questo motivo i progetti di cohusing sono sempre ecosostenibili, attenti all’impatto ambientale ed alle risore energetiche.

  • Il risparmio dei costi comuni, non solo energetici, grazie ad iniziative portate avanti all’interno del complesso abitativo, come palestre o asili comuni, car sharing e orti.